Prenotazioni SECONDARIA DI PRIMO GRADO

  Le scuole che prenoteranno due laboratori nello stesso turno dovranno sceglierne uno nel gruppo A e l’altro nel gruppo B di seguito indicati:




    Per prenotare occorre:
   Scegliere l’attività, il turno e la modalità di pagamento che ti interessa.
   Controllare sul calendario delle prenotazioni (consultabile cliccando sul pulsante in fondo alla pagina) che sia disponibile la data scelta.
   Compilare il modulo (a cui si accede cliccando sul pulsante in fondo alla pagina) ed inviarlo.

Laboratori:   Attività Proposte


A CAVALLO DI UN RAGGIO DI LUCE
Fin dai tempi più remoti l’umanità è rimasta affascinata dal grandioso spettacolo del cielo notturno. Pur ignorando ancora moltissime cose, siamo riusciti ad ottenere un gran numero di informazioni sugli oggetti che popolano l’universo. Queste informazioni sono arrivate fino a noi, dalle profondità del tempo e dello spazio, a cavallo di tenue raggio di luce. La luce è quindi un fondamentale mezzo di conoscenza. Verranno eseguiti esperimenti in grado di illustrare i fenomeni luminosi che ci permettono di acquisire le principali conoscenze sugli oggetti che compongono l’universo, a partire dalla luce che da essi riceviamo.


ACQUA
Breve descrizione della molecola dell’acqua e delle forze in gioco nei suoi tre stati. Il percorso prevede poi le seguenti esperienze: riconoscimento di idrogeno e ossigeno, elettrolisi dell’acqua mediante il voltametro di Hofmann, polarità della molecola d’acqua. Per i passaggi di stato: i punti fissi e la loro modifica; il fenomeno del rigelo. Cromatografia dell’inchiostro, esempi di fenomeni legati alla tensione superficiale e alla capillarità.


ARIA E VUOTO
Il laboratorio proposto riassume le principali informazioni circa la composizione dell’aria, la sua presenza nel quotidiano e i fatti più rilevanti legati al vuoto. In particolare alcune delle esperienze presentate riguardano: la separazione di alcuni dei componenti dell’aria, il peso dell’aria, l’esperienza di Torricelli, il Baroscopio e il principio di Archimede, il vuoto e la non conducibilità del suono. Diverse altre esperienze legate al vuoto completano la presentazione.


AVVIO ALLA CHIMICA
Il laboratorio introduce alla classificazione della materia: sostanze pure (elementi e composti) e miscugli. Sono previste esperienze su: trasformazioni chimiche (reazioni di ossidazione, di viraggio, reazioni esotermiche, ecc.) e fisiche (sedimentazione, separazione, ecc.); differenze tra trasformazioni chimiche e fisiche; cromatografia; riproduzione di reazioni chimiche con modelli a bastoncini e palline. Viene spiegato il fenomeno del “carsismo”. Il laboratorio prevede momenti di osservazione ed esercitazioni a gruppi.


CALORE E TEMPERATURA
Che cosa è il calore? Che cosa è la temperatura? In questo laboratorio cercheremo di comprendere la differenza tra questi due fondamentali concetti a partire dall’osservazione diretta di alcuni esperimenti che li riguardano. Insieme parleremo del fenomeno della dilatazione termica, della capacità termica dei corpo, dei meccanismi di propagazione del calore, del problema dell’isolamento termico, dei passaggi di stato e della possibilità di sfruttare il calore generato da una sorgente calda per ottenere lavoro meccanico.


- DNA
Dopo una breve introduzione storica ai passi che hanno portato alla scoperta del DNA e ai suoi protagonisti, i ragazzi, divisi in gruppi, procederanno all’estrazione del DNA da alcune cellule vegetali (pomodoro).


ELETTRICITA'
Elettrostatica: esistenza di due stati elettrici, come caricare un corpo (strofinio, contatto, induzione), conduttori ed isolanti, le macchine elettrostatiche, la gabbia di Faraday, il potere delle punte, la conduzione nei metalli, nei gas e nelle soluzioni.


FORZA, LAVORO ENERGIA
Il laboratorio consente l’apprezzamento dei principali aspetti legati al concetto di forza. In particolare si presenteranno le seguenti esperienze: forze e loro composizione, diversi esempi di macchine semplici, esempi di energia meccanica, cenno alle più comuni trasformazioni dell’energia.Nel corso del laboratorio la modalità di alcune delle prove previste, prevede la diretta sperimentazione da parte della scolaresca presente.


GIOCHIAMO CON IL MAGNETISMO
Il magnetismo e le sue applicazioni: la calamita e l'esperimento di Oersted; l'elettromagnete e come costruirlo; gru magnetiche; telegrafo; avvisatori e campanelli; serrature; altoparlanti; un microfono con la mina della matita. L'esperimento di Faraday: l'induzione. Diversi tipi di generatori e di motori elettrici, e come costruirli. Il freno elettromagnetico.


GIOCHIAMO CON L'ELETTRICITA'
Esperimenti e strumenti per lo studio dell'elettricità dal mondo antico ad oggi: la carica per strofinio, l'elettroforo di Volta, l'elettroscopio, la pila. Le macchine elettrostatiche. L'arco voltaico. Storia della lampadine a filamento di metallo e di carbone, Edison e l'italiano Cruto. Luce e calore generati dalla corrente elettrica.


I LABORATORI DI matematita
Il laboratorio prevede l’utilizzo di materiali didattici realizzati da “matematita”, Centro interuniversitario di ricerca per la comunicazione e l’apprendimento informale della matematica. L’attività si svolge con la formazione di piccoli gruppi. Per maggiori informazioni vedi l'apposito riquadro più sotto.


IL CICLO DELL’ACQUA
Questo laboratorio, ben supportato da un ricco P.P,richiama e puntualizza in maniera efficace quanto è stato presentato nel precedente sull’acqua. Premesso un richiamo dei punti più significativi del laboratorio sull’acqua, si presentano poi le seguenti esperienze: evaporazione e superfici esposte, diversa capacità termica delle sostanze, il fenomeno della condensazione, ruscellamento e filtraggio, sorgenti intermittenti


IL MONDO DELL'OTTICA
Percorso attraverso fenomeni ottici ( riflessione e rifrazione) e loro applicazione in oggetti di uso quotidiano (specchi, lenti, specchi concavi). Applicazioni nella camera oscura, nella fotografia e nei giochi ottici dell’800 che portano all’invenzione del cinema.


IL SISTEMA CIRCOLATORIO
il laboratorio ripercorre le varie tappe evolutive del sistema circolatorio illustrandole per mezzo di modelli funzionanti che riproducono le varie tipologie: circolazione aperta, circolazione chiusa semplice e circolazione chiusa doppia. Il modello del sistema circolatorio umano consente di osservare particolari come: il funzionamento delle valvole cardiache e l’andamento della pressione.


IL SUOLO
Il mondo in cui viviamo è il risultato dell’azione di forze opposte: le forze endogene che tendono a creare nuove rocce e rilievi e forze esogene che tendono a demolire e disgregare questi prodotti. Dall’azione combinata di queste forze e dal contributo degli esseri viventi si genera il SUOLO un sottilissimo strato di crosta terrestre indispensabile alla vita sulla terra. Questo laboratorio si propone di far comprendere come avviene la formazione del suolo e quali sono i processi elementari che portano alla sua evoluzione.


LA CELLULA
Scopriamo insieme la forma e la funzione delle cellule del nostro corpo. Dopo una breve presentazione del tema, la classe divisa per gruppi svolgerà i seguenti compiti: ipotesi sulle forme dei vari tipi di cellula in relazione alla loro funzione, preparazione dei vetrini e successiva osservazione al microscopio. Sintesi del lavoro svolto.


L' EQUILIBRIO
Come agisce la forza peso su un oggetto appeso o appoggiato? Scopriremo cos'è il baricentro e dove si trova, e questo ci aiuterà a capire se un corpo starà in piedi o cadrà. L'equilibrio nei suoi aspetti più curiosi e interessanti, dalla torre di Pisa agli acrobati che camminano sul filo


MAGNETISMO
Magneti naturali e magneti artificiali, esistenza di due tipi di poli, impossibilità di separare i poli, magnetizzazione per induzione, effetti magnetici della corrente elettrica, l’induzione elettromagnetica, il trasformatore, i motori elettrici.


MATERIA E STATI DI AGGREGAZIONE
Il laboratorio, prevalentemente osservativo, prevede una spiegazione sugli stati di aggregazione della materia, sia in termini di forma e volume che in termini molecolari con osservazione di materiali non newtoniani. La seconda parte del laboratorio si concentra sull’analisi delle proprietà della materia attraverso prove di comprimibilità, diffusione, viscosità e sull’osservazione dei cambiamenti di stato di una sostanza (analisi dei punti fissi e alterazione attraverso agenti esterni).


MINERALI E ROCCE
Attraverso l’osservazione e la manipolazione di campioni si acquisiscono le conoscenze necessarie al riconoscimento delle più comuni specie presenti nel nostro territorio. Dopo la definizione di minerale e roccia, di ambienti di formazione e dei principali sistemi di cristallizzazione, i gruppi procedono all’osservazione e al riconoscimento dei campioni sulla base delle loro proprietà fisiche. Gli studenti hanno inoltre la possibilità di costruire modelli di strutture cristalline comuni e di osservare direttamente la crescita di un cristallo.


ONDE E LUCE
Il laboratorio tratta i principali fenomeni legati alle onde elettromagnetiche e alla luce visibile in modo particolare. Sono previsti esperimenti su: onde trasversali, longitudinali e stazionarie; la polarizzazione; composizione e scomposizione della luce bianca; la percezione dei colori; la riflessione e la rifrazione (specchi, lenti, prismi, fibre ottiche, ecc.); caratteristiche ondulatorie della luce (interferenza e diffrazione); la “luce” che non vediamo.


ONDE E SUONO
Nel laboratorio vengono trattate le onde trasversali e longitudinali, i principali fenomeni e alcune caratteristiche del suono (ampiezza, frequenza, forma e lunghezza d’onda, timbro, ecc.). Sono previste esperienze riguardanti: sorgenti sonore; la velocità del suono; produzione di onde; uso di microfoni, del diapason, di membrane oscillanti, dell’oscilloscopio e di un software di analisi dei suoni; infrasuoni e ultrasuoni; interferenza di onde (il tubo di Quinke); effetto Doppler. I ragazzi assistono agli esperimenti svolti dall’operatore potendo interagire, di volta in volta, singolarmente o in piccoli gruppi.


PERCORSO ECOLOGICO
Impariamo a riconoscere e risparmiare l’energia: una panoramica sui vari esempi dell’utilizzo quotidiano dell’energia, e su alcuni modi possibili per risparmiarla. I ragazzi fanno esperienza della quantità di energia necessaria per alcune attività, e applicano diversi metodi di risparmio energetico.


PERCORSO INTERATTIVO
I diversi gruppi di postazioni che compongono il percorso interattivo: elettrologia, acustica, meccanica, ottica , termologia, consentono di porre l’attenzione sulla maggior parte dei fenomeni fisici presenti nei programmi scolastici.La presentazione delle singole esperienze rende la scelta di questa attività ricca e stimolante. La documentazione cartacea a corredo del percorso costituisce un utile strumento per il lavoro in classe.


PH, ACIDI E BASI
Il laboratorio affronta la differenza tra acidi e basi. Senza entrare nel dettaglio della definizione scientifica, riservata agli studenti di scuola media superiore, vengono proposti esperimenti per distinguere le sostanze acide e basiche attraverso prove sensoriali e l’uso di indicatori naturali e sintetici. Dopo una breve introduzione teorica, vengono svolte prove laboratoriali usando gli indicatori e misurando il pH di alcune sostanze di uso quotidiano.


PRINCIPI NUTRITIVI
L’alimentazione: principi nutritivi e relative funzioni. Dopo una breve presentazione della teoria, si prevedono gruppi di lavoro per la ricerca di amidi, zuccheri semplici e proteine negli alimenti. Il lavoro si conclude con la compilazione di una tabella riassuntiva dei risultati ottenuti dai vari gruppi.


TAVOLA PERIODICA E PRIME ANALISI CHIMICHE
Partendo dalla magia della tavola periodica, si analizza il riconoscimento di alcuni elementi con semplici test


TERRA DINAMICA
Che cos’è la tettonica delle placche? La Terra ha sempre avuto l’aspetto attuale? Il percorso espone i principali fattori che determinano i movimenti delle placche terrestri, le moderne teorie che descrivono la struttura interna della Terra e il ruolo ore fattore tempo nelle dinamiche geologiche. Sono previsti momenti di osservazione e lavoro a gruppi, utilizzando modelli dei diversi tipi di margine di placca e faglia e simulazioni dell’espansione dei fondali oceanici. Si descrivono le correnti convettive del mantello terrestre quali motore del movimento delle placche.


UN MONDO DI SUONI (5/10 anni)
L’attività proposta rende evidente come con materiali di facile reperibilità sia possibile riprodurre una moltitudine di suoni della natura e di alcuni strumenti musicali. La presentazione mostra anche talune caratteristiche degli strumenti utilizzati.


VIAGGIO NEL MONDO VEGETALE
L’alimentazione: principi nutritivi e relative funzioni. Dopo una breve presentazione della teoria, si prevedono gruppi di lavoro per la ricerca di amidi, zuccheri Il laboratorio, prevalentemente pratico, prevede la preparazione di vetrini vegetali a piccoli gruppi e la relativa osservazione al microscopio ottico. Dopo una breve introduzione relativa all’evoluzione delle piante e l’osservazione delle cellule del muschio, attraverso l’allestimento di preparati vegetali i ragazzi verranno condotti alla scoperta delle peculiarità della cellula vegetale: forma, parete, plastidi, vacuolo. Nella seconda parte del laboratorio si focalizzerà invece l’attenzione su alcune tipologie di sistemi di tessuti vegetali: il sistema vascolare (xilema, floema), il sistema fondamentale (parenchima, sclerenchima, collenchima), il sistema tegumentale (epidermide)


matematita
matematita è un Centro Interuniversitario di Ricerca per la Comunicazione e l’Apprendimento Informale della Matematica, che ha la sua origine nelle esperienze di divulgazione della matematica condotte negli ultimi anni dalle quattro università di Milano, Milano-Bicocca, Pisa e Trento. Fra le finalità del Centro matematita c’è quella di progettare, realizzare e diffondere prodotti di carattere divulgativo.

Visite:
Ciascuna attività si svolge in una delle seguenti fasce orarie :
1° turno 08:30 – 10:30       2° turno 10:30 – 12:30       3° turno 14:00 – 16:00
Gli orari possono essere modificati su richiesta in base a particolari esigenze (trasporti, …)
Il costo ad alunno è di 4 Euro per un laboratorio, 6 Euro per due laboratori, 8 Euro per tre laboratori. I portatori di disabilità non pagano.

Ottimizza il tempo della visita: scegli la “mattinata” (8:30 – 12:30) – La “mattinata” impegna due turni consecutivi. Per ragioni organizzative le visite devono terminare entro l’orario previsto

È possibile chiedere che il Museo effettui esperienze di laboratorio direttamente presso le scuole.
Poiché ciò comporta il trasferimento di personale e di materiale, il numero di studenti interessati deve essere tale da giustificare l’operazione (più di 80). La data ed il tipo di laboratorio devono essere CONCORDATI con il Museo.
Per maggiori informazioni vedi la pagina dedicata.)

Per le classi interessate è possibile, previo accordo e senza ulteriori costi, integrare la visita al Museo con attività pomeridiane presenti a livello cittadino: Museo Archeologico,Pinacoteca, Parco naturalistico del “Roccolo” (solo durante la bella stagione).

Modalità di pagamento:


calendario
modulo